Uncategorized

Teatro Degli Oscuri

COMUNICATO STAMPA n. 26

A CONTIGNANO DAL 5 AL 10 AGOSTO “TERRE DI RACCONTI” LABORATORIO TEATRALE PER RACCOGLIERE LE ESPERIENZE VISSUTE

CONTIGNANO – (05 agosto 2002) – Laboratori a Contignano e Vivo d’Orcia per valorizzazione la memoria attraverso il linguaggio teatrale e la possibilità di esperienze formative per giovani attori che, attraverso il contatto diretto con la parola viva della narrazione, possono sperimentare e affinare diverse tecniche recitative. Molti giovani iscritti ai due corsi attivati all’interno del VII Festival della Val d’Orcia che si snodano tra Contignano e Vivo d’Orcia. Iniziati lo scorso 2 agosto proprio da quest’ultima cittadina, da oggi (lunedì 5 agosto) coinvolgono gli abitanti di Contignano. “È un’iniziativa che desta notevole interesse – ha affermato l’assessore Ugo Foà – perché, seppur per breve tempo, questi giovani si inseriscono a pieno nella nostra comunità e vivono fianco a fianco le esperienze dei loro “raccontastorie”, uomini e donne, spesso anziani del paese, che raccontano esperienze di vita vissuta, storie di guerra, di lavoro nei campi e quant’altro. Queste iniziative sono molto coinvolgenti e stimolanti anche per i nostri giovani”.

Il laboratorio, attivato all’interno del Festival della Val d’Orcia che quest’anno si svolge dal 26 luglio al 18 agosto e vede coinvolti i cinque comuni della Val d’Orcia, è realizzato con il patrocinio del Comune di Radicofani e dall’Amministrazione Provinciale di Siena e prodotto dall’Associazione “Tra un atto e l’altro” di Bologna. I corsi prevedono una serie di incontri con anziani del luogo, per la raccolta di storie e ricordi che verranno elaborati dagli attori e montati in frammenti che saranno presentati al pubblico sabato 10 agosto. L’obiettivo è quello di valorizzare un patrimonio di memoria che, solo nel momento in cui esce dalla dimensione personale diventa esemplare, condiviso ed è “dedicato” a quanti ancora credono che sia giusto e bello che le persone s’incontrino fuori dalle loro case, nelle piazze, nei cortili a parlare di sé, ad ascoltare di sé.

Le lezioni sono tenute da attori professionisti come Angela Malfitano, Francesca Mazza, Guido Sodo e Antonio Tucci e si svolgono mattina e pomeriggio. “Quest’anno nel nostro comune – continua Foà – si terranno ben due laboratori “Terre di Racconti” a Contignano e “Incursioni” che sarà proposto nella Fortezza di Radicofani dal 14 al 17 agosto. Ogni anni la nostra amministrazione prevede uno stanziamento per la buona riuscita del Festival. Sulla base delle risorse gli organizzatori organizzano e individuano gli spettacoli per ogni comune”.

Il progetto è nato da un’esperienza, organizzata nell’estate 2000 dal Teatro del Krak, a Villa Rogatti, una frazione nell’entroterra di Ortona (CH) abitata da circa 400 persone. Per cinque giorni gli attori hanno incontrato gli anziani del paese che li hanno accolto nelle loro case, raccontando le loro storie e cantando le antiche canzoni di lavoro. Di sera, come davanti a uno specchio, nelle piazze e nei cortili del paese i giovani attori del gruppo raccontavano le storie ascoltate la mattina, rielaborate e montate teatralmente nel pomeriggio. Per ulteriori informazioni sui laboratori tel. 0577.897211. Patrizia Mari

Radicofani 5 agosto 2002.

Related

Area Zelig Cabaret

La zanzara d’oro RAI 1 1997; “Zelig – Facciamo cabaret” ITALIAUNO 1998; “Scherzi a parte” CANALE 5 1999; “Laboratorio 5” CANALE 5 1999. Numerose le rappresentazioni teatrali, oltre che in tutti i migliori locali nazionali di Cabaret a partire da Zelig. Tra i riconoscimenti ricevuti nei concorsi ricordiamo: Premio “Ernest Thole” al festival “Ridi a […]

Love this post.0

Teatri Roma

DUTCH JAZZ Cosa è l’autenticità? Jazz è suonare qualsiasi cosa che senti, che conosci, riflettere su ciò che senti e vedi intorno e dandogli un particolare colore swing. Sebbene la musica sia stata inventata in America e il blues non sia nato in Olanda, noi siamo sicuramente versatili e siamo sempre stati abbastanza aperti a […]

Love this post.0

Gruupilavoro

Il viaggio dei camion è proseguito, richiedendo ancora da gruppi e singoli tanto tempo, impegno ed impiego di mezzi. Ed anche tanta pazienza.I programmi di ogni città sono stati densi di molteplici iniziative. Ci sembra che forse mai, come ora attraverso i camion, tanti Africani sono stati chiamati a far conoscere il loro pensiero, la […]

Love this post.0