Senza categoria

Chuchu Rocket

ROCKET

Appartenete a quella ampia schiera di Tetris-maniaci che conservano ancora il loro 286 con Dos per giocarci tutte le sere? Bene è giunto il momento di mandare il 286 in pensione perché è arrivato anche in Italia ChuChu Rocket. Questa meraviglia di puzzle game gira su Dreamcast ed è possibile ottenerela gratis iscrivendosi online al servizio Internet di Dreamcast, DreamArena, utilizzando il DreamKey (che è il disco di accesso ai servizi Internet che contiene il programma browser per Internet della consoloe, versione 1.0 o 1.5, a seconda di quando avete acquistato la console). Il servizio Internet di Dreamcast, ancora non pubblicizzato qui da noi se non da riviste di settore è partito dal 21 luglio e rende la connessione ad Internet disponibile a tutti gli utenti di Dreamcast grazie al modem 33.6 Kb presente in ogni console. Ma vi darò maggiori dettagli sulla connessione Internet del Dreamcast quando ne avrò anch’io.

Tornando al gioco, come tutti i puzzle game, anche ChuChu Rocket ha uno scopo semplicissimo: guidate i topi spaziali (i ChuChu appunto) verso i razzi che li porteranno in salvo dai malefici gatti spaziali (i KapuKapus). Quando inizia la partita il topo inizia la sua corsa procedendo diritto fino a che urtando il muro no gira a destra; se il passaggio a destra è bloccato allora girerà a sinistra. Per dirigere i topini verso il razzo, i giocatori hanno a disposizione dei pannelli con frecce che indirizzano i topini nella direzione della freccia. Questi pannelli sono messi dall’utente nel quadro gioco grazie ad un cursore: premendo il tasto Y si porrà un pannello con freccia in sù, premendo B un pannello con freccia a destra, premendo a un pannello con freccia giù e X un pannello a sinistra. il topino che proveniva da destra e che finisce su di un pannello con la freccia verso l’alto, cambierà la sua direzione continuando la sua corsa per la salvezza verso l’alto. Sembra tutto così banale e noioso quando lo si spiega: ma il gioco va provato. Ed è quello che ho fatto e che vi esorto a fare. Iniziamo dal gioco per giocatore singolo. Abbiamo 2 modalità: Stage challenge e Puzzle.

La prima modalità avviene in tempo reale: in un limite di tempo prestabilito dovrete salvare un certo numero di topini o, in un gioco al massacro, rimpinzare i malefici gatti.

Nella modalità Puzzle l’obiettivo è quello di salvare i topini dai gatti e dai buchi, ma il salvataggio avverrà solo dopo aver disposto i pannelli, che saranno in numero limitato, nello spazio di gioco. Quindi come in un puzzle avrete la possibilità di studiare il percorso di gioco e di piazzare al meglio i pannelli per salvare i nostri amici dal/i gattone/i spaziale/i. Piazzando i pannelli potrete fare delle prove per vedere se avete azzeccato la disposizione giusta. Vi saranno sempre utili un paio di tentativi prima di azzeccare la combianzione giusta. Ce ne sono un’infinità (più di 100) e man mano diventano sempre più difficili: ma sarete risucchiati da questo gioco e andrete avanti finché non avrete scoperto tutti i bonus. E una volta ottenuto questo, potrete creare i vostri puzzle e metterli in linea oppure scaricarne dei nuovi dal sito (la memory card in questo caso funzionerà da hdd, memorizzando i vostri puzzle e quelli scaricati dalla rete). Oltre al gioco singolo, c’è la modalità multiplayer che come potrete facilmente immaginare sarà come la versione in singolo con altri 3 giocatori (reali o impersonati dal computer) che tenteranno di rompervi i “topini nei razzi” mandandovi i gatti dentro le vostre astronavi e salvando i propri topini. In più ci saranno anche eventi speciali per rendere un po’ più difficile il gioco stesso (velocità ridotta e altre cosucce carine…). Ma esiste anche una modalità online (ancora non testata dal sottoscritto) che promette battaglie furiose con persone da tutto il mondo (in questo tipo di gioco i problemi di ping non dovrebbero farsi sentire… mi auguro). Se infine pensate che questo è il primo gioco con caratteristiche online di Sega e che è gratuito (se non volete riceverlo gratis lo troverete anche nei negozi a 75.000 lire circa con in più la versione di DreamKey 1.5 allegata) non mi resta che dirvi: attenti ai KapuKapus.

Giovanni Strammiello

Related

Pulcinella Nella Rete

Pulcinella col tamburello, artigianato di via S. Gregorio Armeno, Napoli. Per dipingere le figure del presepe ci vuole polso fermo, sentimento e fantasia. Rosa aveva – appena meno del nonno – tutte e tre queste qualità e i sui Re Magi, i suoi asinelli, i suoi acquaioli erano ricercati in tutto San Gregorio Armeno. Il […]

Love this post.0

Edizioni Teatro Alla Scala

Musicista multipolare lo definisce Enzo Restagno nel bel volume, Berio, che Settembre Musica, nel 1995, ha dedicato al compositore. Una multipolarità che Berio ha costruito frequentando studiosi e testi di linguistica, antropologia, arti figurative, etnomusicologia, filosofia della scienza, narrativa. Per orientarsi all’interno di questo labirinto è opportuno lasciarsi guidare dal volume curato da Restagno articolato […]

Love this post.0

Senza Parole

Senza parole Innanzitutto a nome personale e per conto della LAV di Modena, vorrei esprimere il mio dolore per quella gente che, nel giro di poche ore, ha perso tutto quello che possedeva, la propria casa, i propri ricordi e la propria vita. Credo che nessuno di noi possa davvero immaginare l’angoscia e lo sgomento […]

Love this post.0