Senza categoria

“la Peste” Di Camus

Donatella Cinà ha riproposto, venerdì 18 ottobre, nello spazio teatrale del Centro Anita di Aosta, attraverso una scelta di brani ben armonizzati sulle cadenze delle percussioni di Marco Giovinazzo, il romanzo di Albert Camus, datato 1947, “La peste”.

Un libro che si propone come una riscoperta anche per chi lo abbia già letto e meditato in passato, perché l’ironia, la profondità, la verità umana del testo parlano, ogni volta che le si ascolti nuovamente, dei fatti vicini, delle esperienze attuali.

Orano, dove si ambienta la vicenda, è una città qualunque: operosa, ordinata, salda nei principi praticati dai suoi abitanti di guadagnare bene e poi concedersi nel tempo libero qualche svago (cadenza dei tempi e delle azioni resa tangibile dal sottofondo musicale). Una città moderna e come tale libera dal tarlo antico, oscuro, misterioso, del “sospetto”. Paga di ciò che fa, non guarda lontano, non immagina: Camus la descrive costruita in modo tale da voltare le spalle al mare. Per questo, quando compare il primo topo morto e quando decine di altri suoi simili manifestano i sintomi di un morbo oscuro, che uccide (sono soltanto ratti!), nessuno o quasi usa l’immaginazione, si allarma. I flagelli, come la peste, sono cosa d’altri tempi, un male talmente grande e inesorabile (come la guerra, ad esempio…) da risultare non credibile alla ordinata costruzione mentale dell’uomo, qualche cosa di “astratto” rispetto alla vita operosa, produttiva, di tempi e di relazioni precisi.

Eppure l’astratto (o la “verità”, come prende a chiamarla il predicatore, il quale crede, anche troppo, al flagello, esaltandolo come un biblico atto di punizione) colpisce e fa morire. La città cambia (cambiano i toni, i suoni, le luci di scena e gli strumenti per descriverla), conosce il sospetto, rischia la disperazione e l’abitudine ad essa.

Il romanzo della città appestata poggia sulle figure di alcuni uomini (il medico protagonista, l’osservatore che raccoglie annotazioni nei propri taccuini, l’impiegato dell’amministrazione comunale – problematico romanziere -, l’inviato cronista rimasto bloccato dalle misure di isolamento imposte dal governo), modelli di diversi modi di intendere la vita, diversi modi di vivere (o di ammalarsi).

Il mare, ad esempio, che due di questi uomini decidono di raggiungere una notte, eludendo le guardie che sorvegliano il molo, non per fuggire dalla città, non per scampare dalla malattia, ma per concedersi una nuotata insieme, scampare al male di un certo tipo di vita. Perché l’uomo che cessa di amare perde la ragione stessa per battersi. Non avrebbe senso vivere così, da schiavi.

Il fatto che gli eventi, i capricci del morbo, destinino uno dei due personaggi a sopravvivere, l’altro a morire, è in fondo di poco conto. È importante (lo spettacolo, questa rilettura ci aiutano a realizzarlo) “aver conosciuto” (la peste, l’amicizia) “e ricordarsene”. Non aver voltato le spalle. D’altronde il bacillo, come qualunque “male”, aspetta pazientemente in qualche luogo di ridestarsi.

Loredana Faletti

Related

Etciu.com – The Next Art Experience

MORENO GENTILI A Milano rimarrà aperta fino al 20 ottobre la coraggiosa mostra “NYC, New York revisited”, gli scatti di Moreno Gentili su una metropoli ancora non sconvolta dall’apocalisse. Le foto in bianco e nero sono il viaggio temporale dell’artista su una città vista dall’alto, quasi Gentili fosse riuscito a trasformarsi in uccello, eppure quelle […]

Love this post.0

Sonetto N° 3

inganni il mondo e ventre di donna avrà controra. (traduzione. ahimè della mia mano sinistra) Guardati questa faccia nello specchio (e) dì che si sbrighi a farne un’altra uguale perché se non la fai nuova e parecchio, fai fesso il mondo e sprechi il seminale. Dov’è una topa che non l’abbia data e che si […]

Love this post.0

Desiderava La Bufera

Francesco Erbani , Storia di Anna la ragazza che ballava e portava la bufera “Si intitola Desiderava la bufera, da un verso di Anna Achmatova, l´esordio narrativo di Lisa Ginzburg (Feltrinelli, pagg. 222, euro 13). E´ un buon romanzo, scritto con levigatezza e assecondando il ritmo lento dei pensieri. Il fuoco della narrazione non sta […]

Love this post.0