Senza categoria

La Ragazza Che Voleva Di Più

il Corriere della Sera , 23/04/2002

Covacich Mauro , Cody, la ragazza dalle mille maschere

“C’ è qualcosa di generoso anche in un conclamato farabutto – è questo uno degli aspetti più spiritosamente istruttivi del romanzo di Liza Cody – chiunque, anche il più bastardo degli uomini, ha sempre qualcosa da dare. E quindi c’ è sempre qualcosa d a prendere dagli esseri umani. La ragazza che voleva di più è una storia che sa trarre un sacco di simili insegnamenti dal mondo losco e semicriminale dello show-business. Birdie è la classica pupa da rock-star, ma al contrario di quanto solitamente si pensa, non è priva di qualsiasi talento, non è una pupa appunto, bensì è una mente le cui infinite risorse reggono in piedi la rock-star, come ogni altro sistema complesso di produzione da lui alimentato (da vivo e da morto). Case discografiche, m agnati della comunicazione, produttori, ex amici, tutti sperano di far quattrini sulla pellaccia di Jack. Birdie ha amato Jack e ne ha gestito il genio. Sono passati decenni ormai da quando, all’ apice del successo, è stato inghiottito dalla sua vill a in fiamme, e ora lei può forse ritornare in pista sfruttando al meglio ciò che è rimasto del mito – ecco spuntare miracolosamente alcune canzoni inedite. Ma questa eroina schizzata che sembra la versione femminile del Lercio di Welsh, ricca di intu ito animale e capace di bastardate davvero intelligenti, in fondo in fondo raggira il mondo intero a fin di bene. Ad ognuno dà qualcosa e da ognuno prende. Il suo è un continuo gioco di maschere: la dipendente modello, la vedova stile Yoko Ono, l’ ag giusta-talenti in sala di registrazione, la sorella afflitta e bisognosa di aiuto, la femme che seduce anche fuori tempo massimo. La scrittura della Cody ha il brio e il dosaggio di anfetamine della sua protagonista, è artiglieria pesante nascosta ne lle fusa di una gattina, ma soprattutto insegna. Insegna che l’ arte oggi è secondaria rispetto all’ artista, che la droga fa quello che uno si aspetta che faccia, che non bisogna mai squagliarsela da una posizione di debolezza, che bellissime canzon i nascono da scritte mal lette sulla fiancata di un camion.”

“www.rootshighway.it” , 17/04/2002

Related

Teatro Delle Passioni

Storchi Classico A conclusione della stagione, Emilia Romagna Teatro Fondazione presenta, come di consueto, il nuovo cartellone del Teatro Storchi, quella parte di programma che rientra nell abbonamento Storchi Classico, per presentare poi, alla fine di agosto, l intera programmazione, che comprende anche il cartellone del Teatro delle Passioni e la rassegna “Le vie dei […]

Love this post.0

L’estate È Crudele

Federica Carniti , Dal Bollettino letterario delle Librerie Feltrinelli “Forse dai tempi delle letture adolescenziali, dai tempi dell’Allende pasionaria, quella di D’amore e ombra, in assoluto il romanzo dell’autrice cilena che più ho amato, non mi capitava una vicenda di amore, appunto, e passione politica così coinvolgente. Parviz e Maryam, iraniani, si conoscono a Roma […]

Love this post.0

Edizioni Teatro Alla Scala

Musicista multipolare lo definisce Enzo Restagno nel bel volume, Berio, che Settembre Musica, nel 1995, ha dedicato al compositore. Una multipolarità che Berio ha costruito frequentando studiosi e testi di linguistica, antropologia, arti figurative, etnomusicologia, filosofia della scienza, narrativa. Per orientarsi all’interno di questo labirinto è opportuno lasciarsi guidare dal volume curato da Restagno articolato […]

Love this post.0