Senza categoria

Supernova

SUPERNOVA – Informazioni sul prodotto

È affascinante questo Supernova, forse anche per la sua storia travagliata che lo ha trasformato in una sorta di film maledetto , film incompiuto, tagliato, come se non fosse mai realmente finito . Già la fascetta del DVD ci annuncia il film come fosse un evento particolare, mai visto: Versione mai vista al cinema! annuncia il DVD della Universal, espressione piuttosto inesatta, perché in realtà il film proposto è esattamente lo stesso che abbiamo potuto vedere nelle sale (ma non ci sorprendiamo di simili errori, in una fascetta che, nel retrocopertina, afferma che il film è interpretato, tra gli altri, dal magnetico Robin Tunney … Da quando la graziosa (e brava) attrice è diventata un lui ?…Ci si domanda chi realizza le fascette dei film e perché non fanno fare questi lavori a chi i film e gli attori li conosce…). Quello che viene presentato in questo DVD come nuovo davvero, e che lo rende unico e a suo modo imperdibile, sono le ben 13 scene eliminate, che non sono dei semplici aggiustamenti di montaggio, ma invece dei veri pezzi di film, che messi assieme, costituiscono davvero un altro film . Forse il film vero che il vero regista, il grande Walter Hill (quello de I guerrieri della notte, 48 ore, Strade di fuoco, ecc.) avrebbe voluto realizzare, se non fossero sorti dei gravi dissensi sull’operazione con i produttori fino a costringerlo ad eliminare la firma dalla pellicola (che infatti risulta firmata Thomas Lee, evidente pseudonimo). Consigliamo comunque di vedere il film così com’è, perché, nonostante i tagli (inspiegabili!), ha una sua forza narrativa e spettacolare non indifferente. Come in molti dei film di Walter Hill, che ha spesso presentato un gruppo di uomini (e di donne) in situazioni difficili ed eccezionali, anche qui la figura del capo viene meno dopo soli venti minuti (un peccato per chi ama il lavoro dell’attore Robert Forster – lo ricorderete in Jackie Brown di Tarantino), ma questo è un segno del cinema di Hill, quello di lasciare i suoi personaggi abbandonati alle situazioni e, letteralmente, senza una guida (come già avveniva ne I guerrieri della notte e ne I guerrieri della palude silenziosa). L’equipaggio dell’astronave Nightingale viene richiamato verso l’area gravitazionale di una stella morente da un disperato grido d’aiuto lanciato da una vecchia fiamma della Dottoressa Kaela (Angela Bassett), Karl Larson. Quando il relitto viene recuperato (con l’astronave in avaria dopo il salto gravitazionale), al suo interno viene trovato un giovane ed una strana materia di origini sconosciute. Inutile dire che il giovane rivelerà un’identità imprevista e che la materia aliena causerà non pochi cambiamenti nella vita dell’equipaggio. Interpretato da un ottimo cast (con la Bassett, Robin Tunney e Robert Forster, ci sono James Spader nel ruolo del pilota Nick Vanzant, Lou Diamond Phillips nel ruolo di Yerzy ed un inquietante Peter Facinelli nel doppio ruolo di Troy/Karl Larson), Supernova è un vero thriller fantascientifico, che sa alternare con sapienza momenti spettacolari ad altri più psicologici, giocando con abilità sul mistero di una materia aliena che potrebbe cambiare i destini del mondo. Certo con l’inizio ed il finale alternativo che ci vengono mostrati nel DVD avremo avuto un film più complesso. Infatti Il film si apriva con il comandante Marley che rifletteva con il suo vice Nick Vanzant sull’ordine ed il caos dell’universo, collocando tutta la storia dentro una riflessione più vicina ai temi classici ed assoluti della fantascienza e si chiudeva con James Spader e Angela Bassett che scoprono impotenti che la Supernova distruggerà la Terra fra 257 anni: un finale decisamente meno ottimista e più inquietante, con quella specie di grido/monito allo spettatore Look the stars, look the stars! . Ma anche così, Supernova, pur visibilmente incompiuto (il film dura meno di un’ora e mezzo, ma ha evidentemente il respiro di un’opera più lunga), affascina per la commistione di storie, di misteri e conflitti tra i personaggi, con spettacolari effetti speciali (della Digitail Domain, quelli di Titanic). Il DVD ha, per il resto, un buon audio Dolby Digital 5.1, lo schermo widescreen ed un ottimo apparato di lingue e sottotitoli (anche in italiano), che lodevolmente compaiono pure nelle scene eliminate, che costituiscono davvero la parte cult del DVD.

SUPERNOVA – VALUTAZIONE MEDIA DEL CLIENTE:

Trama:

Related

Edizioni Teatro Alla Scala

Musicista multipolare lo definisce Enzo Restagno nel bel volume, Berio, che Settembre Musica, nel 1995, ha dedicato al compositore. Una multipolarità che Berio ha costruito frequentando studiosi e testi di linguistica, antropologia, arti figurative, etnomusicologia, filosofia della scienza, narrativa. Per orientarsi all’interno di questo labirinto è opportuno lasciarsi guidare dal volume curato da Restagno articolato […]

Love this post.0

“la Peste” Di Camus

Donatella Cinà ha riproposto, venerdì 18 ottobre, nello spazio teatrale del Centro Anita di Aosta, attraverso una scelta di brani ben armonizzati sulle cadenze delle percussioni di Marco Giovinazzo, il romanzo di Albert Camus, datato 1947, “La peste”. Un libro che si propone come una riscoperta anche per chi lo abbia già letto e meditato […]

Love this post.0

Pulcinella Nella Rete

Pulcinella col tamburello, artigianato di via S. Gregorio Armeno, Napoli. Per dipingere le figure del presepe ci vuole polso fermo, sentimento e fantasia. Rosa aveva – appena meno del nonno – tutte e tre queste qualità e i sui Re Magi, i suoi asinelli, i suoi acquaioli erano ricercati in tutto San Gregorio Armeno. Il […]

Love this post.0